Donne Impresa

7 Marzo 2017

coldiretti donne impresa pistoia

8 marzo Coldiretti Pistoia

Doppio appuntamento per l’8 marzo di Coldiretti Pistoia. Michela Nieri, la presidente dell’associazione agricola offrirà la mimosa a docenti e alla dozzina di bambine di una scuola primaria ospiti di un’azienda agricola. Simona Falzarano, responsabile di Coldiretti Donne Impresa Pistoia, porterà il simbolo dell’emancipazione e della forza delle donne, alle cuoche della mensa comunale di Larciano, dove l’amministrazione ha sposato la filosofia della filiera corta, scegliendo di servire pasti con ingredienti del territorio nelle scuole.

Saremo in due luoghi simbolici per le donne di tutti i tempi -spiega Michela Nieri, presidente di Coldiretti Pistoia-: un’azienda agricola di Pescia, dove le ‘piccole’ donne della scuola primaria Marino Marini di Pistoia degusteranno il vero olio toscano, e nel centro cottura dove si preparano cibi per i bambini delle scuole larcianesi”. Da quest’anno scolastico la mensa comunale di Larciano si approvvigiona dalle aziende della rete Coldiretti-Campagna Amica per ortaggi, verdura e formaggi, Simona Falzarano farà visita al centro cottura della mensa comunale distribuendo mimose alle cuoche e alle altre lavoratrici della mensa.

Michela Nieri, invece sarà a Pescia. Nell’ambito del progetto ‘In azienda per apprendere’, curato da Coldiretti col contributo della Camera di Commercio di Pistoia, l’8 marzo una classe della scuola primaria Marino Marini, di Pistoia (che fa parte dell’Istituto comprensivo Leonardo da Vinci), si recherà a scoprire, degustare e riconoscere il vero olio toscano a Pescia, presso la Spo, Società pesciatina d’orticoltura, di Pietro Barachini. In quest’occasione la presidente di Coldiretti Pistoia, Michela Nieri, omaggerà bambine e docenti della mimosa per ricordare la valenza della festa dell’8 marzo per le donne, piccole e grandi.

La mimosa, il fiore simbolo della festa dell’8 marzo è un omaggio atteso in dono da sette donne su dieci (68%) secondo il sondaggio on line condotto da sito www.coldiretti.it. Quest’anno, a livello nazionale, il raccolto è in aumento del 20%. Per effetto dell’inverno pazzo la mimosa ha iniziato a fiorire in anticipo già poco dopo Natale senza attendere il tradizionale appuntamento, con conseguenti effetti dal punto di vista commerciale, afferma la Coldiretti. Alla produzione il prezzo delle mimose è calato di un 10% rispetto al 2016, ma al consumo si prevede che i ramoscelli manterranno i prezzi che partono dai 2 euro a seconda della qualità, delle dimensione del mazzo e deIla confezione.

SHARE ON :
POST CORRELATI