Donne Impresa

18 Maggio 2017

coldiretti donne impresa pistoia

Angela Sabatino e Stella Dei, madre e figlia, di Lamporecchio hanno dato una svolta ambientalista alla loro azienda. Aderendo al progetto “lungo le grotte migratorie”, hanno creato lo stagno delle piante idrofite, l’osservatorio faunistico e il museo della civiltà contadina in casa. L’azienda oltre a produrre cereali e foraggere è diventata luogo ideale per lezioni di  educazione ambientale. Questa la motivazione di Coldiretti Toscana che ha premiato anche le imprenditrici agricole pistoiesi, che hanno l’azienda tra Larciano e Lamporecchio.

Coldiretti, infatti, ha riconosciuto un premio alle ‘dinastie rosa’ dell’agricoltura regionale assegnando la scorsa settimana il Pink Oscar alle aziende che vantano conduzioni al femminile da più generazioni. Madre e figlia, zia e nipote, sorelle, amiche, socie … sono sempre più numerose le imprenditrici che scelgono di unire le forze per scommettere in agricoltura, dando vita ad esperienze innovative o tradizionali ma rivisitate sempre con creatività e fantasia.

I dati parlano chiaro e non lasciano spazio a dubbi, secondo le ultime stime disponibili si scopre che in Toscana dei 29.000 lavoratori autonomi iscritti ad Inps come Coltivatori Diretti ed Imprenditori Agricoli Professionali, 11.600 sono donne. Questo significa che 2 aziende su 5 sono condotte al femminile.

Presente alla consegna dei Pink Oscar Marco Remaschi, Assessore agricoltura della Toscana.

“Tanta intraprendenza che conviene assecondare. Occorre la messa a punto di strumenti ad hoc per promuovere, sostenere e alimentare la multifunzionalità –auspica Simona Falzarano, delegata Donne Impresa di Pistoia- che ancora troppo spesso resta imbrigliata in maglie di normative troppo rigide, le quali non tengono conto delle caratteristiche, delle peculiarità e delle difficoltà dell’ambiente agricolo. È utile che Regione Toscana modifichi in questo senso ed in tempi brevi la legge regionale che disciplina delle attività agrituristiche e delle fattorie didattiche in Toscana”.

SHARE ON :
POST CORRELATI