Donne Impresa

16 Maggio 2017

coldiretti donne impresa calabria

Il torymus sinensis va a scuola


La Regione Calabria prosegue con il suo progetto di lotta biologica al cinipide Dryocosmus kuriphilus con il rilascio nei castagneti del suo antagonista Torymus sinensis.


I lanci, effettuati in tutte le province calabresi, sono avvenuti anche a Serrastretta, piccolo comune montano del catanzarese, ai piedi del Reventino con la guida della dott.ssa Vincenzina Scalzo dell’ARSAC seguita e coadiuvata dai castanicoltori dell’area.


E’ in questo scenario che si è svolto, presso l’Istituto Comprensivo di Serrastretta nel plesso della scuola primaria di Cancello l’iniziativa “Il Torymus sinensis va a scuola”, idea promossa e realizzata dalla Coldiretti Calabria e in particolare da Donna Impresa Coldiretti CZ-VV-KR nella persona della Responsabile Maria Antonietta Mascaro in collaborazione con l’Istituto Comprensivo di Serrastretta e i suoi maestri e la dott.ssa Scalzo.


L’evento nasce da un percorso pregresso, cominciato nell’ottobre 2016 in occasione della 26° Sagra della castagna di Angoli, del Terra Madre Day e a seguire con la festa dell’albero di Campagna amica, momenti in cui allievi e maestri sono stati protagonisti di laboratori verdi immersi nei castagneti e hanno potuto constatare lo stato di salute dei loro amici alberi.


Da qui nasce il desiderio dei ragazzi di avere nel loro laboratorio di scienze il cosiddetto “insetto buono”. La richiesta è stata esaudita grazie alla sinergia tra la Mascaro e la Scalzo, così oggi il loro laboratorio ha avuto degli ospiti particolari: in una provetta con il tappo rosso intriso di miele, una ventina (tra maschi e femmine) di esemplari di Torymus sinensis sono stati accolti da bambini festanti.


Tra tanta curiosità e moltissime domande, i piccoli studenti hanno osservato l’insetto dal vivo con l’aiuto di filmati hanno potuto conoscere il suo comportamento in natura, hanno visto e analizzato dei rami con le nuove gemme e le galle con all’interno le larve del cinipide, insomma un incontro che ha dato molti stimoli a tutti.


L’evento si è concluso con la creazione del vademecum del perfetto castanicoltore che i bambini hanno sintetizzato così: “Nel castagneto non bisogna spargere insetticidi, perché muore l’insetto cattivo, ma anche quello buono; nel castagneto non bisogna bruciare le foglie e i rametti secchi con le galle perché è lì che il Thorymus passa l’inverno; non tagliare i polloni fino all’autunno, una volta tagliati, devono rimanere nel castagneto e non devono essere bruciati; ma la regola più importante è che tutti dobbiamo volere più bene ai nostri castagneti e difenderli sempre!”

SHARE ON :
POST CORRELATI